< Torna indietro
03 agosto 2016

Ultime dal Sud del Mediterraneo

OSSERVATORIO PERMANENTE SULLE ECONOMIE DEL SUD DEL MEDITERRANEO

 

Luglio 2016


 

ALGERIA

7 Luglio:

Il Ministro degli Esteri italiano ha incontrato il Ministro degli Affari del Maghreb algerino per confermare l’impegno italiano nel  rafforzamento delle istituzioni libiche e nel consolidamento nel quadro di sicurezza nel Paese.

 

EGITTO

3 Luglio:

Rapporti pervenuti al Presidente del Consiglio nazionale per i Diritti Umani in Egitto, affermano il diffuso utilizzo della tortura da parte della polizia.

4 Luglio:

Giovane attivista egiziano per i Diritti umani sollecita il Governo italiano a richiedere più chiarezza per l’omicidio Regeni in modo da poter chiarire anche episodi simili avvenuti nel Paese.

5 Luglio:

Secondo fonti del giornale Masri el Youm, una suora copta egizia è stata assassinata da un gruppo armato di matrice terroristica.

13 Luglio:

Amnesty International, usando il caso Regeni come simbolo, afferma che centinaia di studenti, politici, attivisti, anche giovanissimi, vengono rapiti e torturati dal Governo egiziano.

15 Luglio:

La massima autorità del mondo sunnita, l’università di Al-Azhar, in occasione dell’attentato di Nizza ha espresso il suo rifiuto verso gli atti di terrorismo.

19 Luglio:

Il deputato Terek al Kholi ha affermato che le richieste italiane legate all’assassinio di Regeni sono incostituzionali in quanto si tratta di acquisizioni di video delle telecamere, tabulati telefonici e l’estradizione di tre persone che, secondo il Governo egiziano, non possono essere cedute per legge.

25 Luglio:

In un comunicato pervenuto sul web, l’Isis rivendica l’omicidio di un ufficiale egiziano avvenuto nel Sinai.

 

LIBIA

1 Luglio:

Sono state annunciate le dimissioni da parte del Governo di unità nazionale; a causa di ciò sono previsti momenti di stallo in Parlamento.

7 Luglio:

A causa di un’auto piena di esplosivo, condotta da un kamikaze legato al gruppo terroristico Isis, sono stati uccisi dodici militari libici nella città di Bengasi.

15 Luglio:

Dialogo inter libico in Tunisia per trovare una risoluzione alla crisi libica: l’obiettivo è la creazione di un unico comando militare in tutto il Paese.

22 Luglio:

Rinvenuti i corpi di almeno quattordici persone torturate e uccise; l’inviato dell’ONU Kobler richiede indagini immediate.

25 Luglio:

A causa della campagna militare lanciata due mesi fa, a Sirte, per combattere l’Isis gli sfollati interni sarebbero circa novanta mila.

30 Luglio:

I soldati del califfato continuano ad avanzare, respingendo le milizie libiche e causando decine di morti e di feriti tra i civili.

 

TUNISIA

4 Luglio:

Settecento jihadisti tunisini tornano in patria da Siria, Libia e Iraq; l’ex segretario alla sicurezza afferma che alcuni di loro sono ancora in libertà poiché non è stato possibile ascrivere alcun reato a loro carico.

5 Luglio:

Due estremisti islamici sono stati arrestati e accusati di fare parte di una cellula terroristica: erano addetti al reclutamento di giovani da inviare verso i gruppi terroristici in Libia.

22 Luglio:

Operazione antiterrorismo con bombardamenti al confine con l’Algeria: le forze armate avrebbero aperto il fuoco dopo aver avvistato uomini jihadisti sul territorio.

 

Fonti: Ansa; Ansamed; Il Sole24Ore; BBC World; Reuters; AlJazeera English; News Mercati