< Torna indietro
22 novembre 2017

Ultime dal Sud del Mediterraneo

Osservatorio Permanente sulle Economie del Sud Mediterraneo


OTTOBRE 2017


ALGERIA

18 ottobre
Amnesty International ha denunciato un discriminatorio giro di vite lanciato dalle autorità algerine, determinando l'arresto e l'espulsione forzata verso il Niger e il Mali di oltre 2000 migranti provenienti da vari Paesi dell'Africa Sub-sahariana, tra cui oltre 300 minori almeno 25 dei quali non accompagnati.

EGITT0

2 ottobre
Al Cairo, l’agenzia Mena ha riferito che un'autobomba è stata fatta esplodere prima che colpisse un posto di blocco in Egitto, nel Sinai nord-orientale.
L'attentato è stato sventato sul raccordo a sud di Arish dove militari hanno sparato massicciamente sul veicolo che puntava sul posto di blocco provocandone l'esplosione prima che riuscisse a provocare vittime fra i soldati.

14 settembre
Il capo dell'ufficio politico di Hamas, Ismail Haniyeh, ha affermato di stabilire relazioni strategiche con l'Egitto non permettendo a nessuno o nessuna parte di nuocere alla sua sicurezza, smentendo così le accuse di sostenere i terroristi filo-Isis nel Sinai.

24 ottobre
Il Presidente egiziano, Abdel Fatah al-Sisi, ha incontrato durante la conferenza stampa a Parigi il Presidente francese Emmanuel Macron, rispondendo ad una domanda sul caso di Giulio Regeni e sul rispetto dei diritti umani in Egitto.
Al-Sisi ha assicurato che l'Egitto non pratica la tortura e che non viene accettata nessuna forma di pratica violenta o dittatura o violazione dei diritti umani.

LIBIA

11 ottobre
A Strasburgo, Il Consiglio d'Europa ha chiesto chiarimenti all’Italia sull’accordo con la Libia in merito ai migranti.
Il Commissario dei Diritti umani Nils Muiznieks ha scritto una lettera al Ministro degli Interni Marco Minniti dove si è cercato di chiarire che tipo di sostegno operativo ha il Governo italiano, cosa si prevede di fornire alle autorità libiche nelle loro acque territoriali e quali salvaguardie l'Italia ha messo in atto per garantire che le persone salvate o intercettate non rischino trattamenti e pene inumane, e la tortura.

 

31 ottobre
Il Premier Paolo Gentiloni ha incontrato a Riad il Governatore di Riyad, il Principe Faisal Bin Bandar Bin Abdulaziz, dichiarando che l’Arabia Saudita ha un ruolo di primo piano nella stabilizzazione politica del Mediterraneo. Inoltre ha sottolineato che i rapporti con l’Arabia sono importanti per gli interessi nazionali e per la stabilità del Mediterraneo e della Libia e dell’Arabia.

TUNISIA

9 ottobre
A Tunisi il Ministero della Difesa tunisino ha aperto un'inchiesta per fare luce sulle cause della collisione tra una nave della Marina militare tunisina e un'imbarcazione carica di migranti a circa 54 km dalla spiaggia di El Ataya nelle isole Kerkennah.

12 ottobre
Il Presidente della Repubblica tunisina, Beji Caid Essebsi, ha prorogato di un mese lo stato di emergenza su tutto il territorio nazionale, a partire dal 13 ottobre.
La decisione è stata presa dal capo dello Stato dopo essersi consultato con il Premier, Youssef Chahed, ed il Presidente del Parlamento, Mohamed Ennaceur sulle questioni relative alla sicurezza nazionale.

23 ottobre
A Palermo, il Ministro degli Esteri Angelino Alfano ha incontrato il Ministro degli Esteri tunisino Khemaies Jhinaoui, dove hanno discusso sullo sviluppo delle relazioni di cooperazione e partenariato economico tra i due Paesi e sul rafforzamento dei meccanismi di cooperazione e di coordinamento in materia di migrazione, gioventù e sviluppo sociale.

 

Fonti: Ansa; Ansamed; Il Sole24Ore; BBC World; Reuters; AlJazeera English; News Mercati