< Torna indietro
03 maggio 2018

Ultime dal Sud del Mediterraneo

Osservatorio Permanente sulle Economie del Sud Mediterraneo


GENNAIO-APRILE 2018


ALGERIA

22 marzo
L'Algeria ha rimpatriato 27.000 migranti africani subsahariani dal 2015. Il Ministro degli Interni Nouredine Bedoui ha dichiarato che continuerà a rimandarli nei loro Paesi d'origine nonostante le proteste fatte dai gruppi per i propri diritti.

10 aprile
Una rara apparizione pubblica del veterano Presidente algerino Abdelaziz Bouteflika sta alimentando le voci secondo cui correrà per un quinto mandato l'anno prossimo. Una mossa che significherebbe stabilità a breve termine per un alleato chiave degli Stati Uniti e uno dei principali fornitori di gas in Europa.

12 aprile
Il trasportatore militare russo Ilyushin Il-76 è precipitato mercoledì dopo il decollo dalla base aerea di Boufarik a sud-ovest di Algeri. Vi sono alcune testimonianze che dicono che un'ala ha preso fuoco.
La maggior parte delle vittime erano soldati, ma erano presenti anche alcuni membri del Fronte Polisario, un gruppo sostenuto dall'Algeria che lottava per l'indipendenza del vicino Sahara Occidentale, un territorio rivendicato anche dal Marocco in una lunga disputa.
Il disastro ha visto coinvolte 257 vittime, i cittadini algerini hanno fatto la fila negli ospedali per identificare le vittime.

EGITTO

25 marzo
La polizia egiziana ha ucciso sei militanti appartenenti a un gruppo che le autorità accusano di un attentato nella città costiera di Alessandria che ha preso di mira un capo della sicurezza due giorni prima che nel Paese si tenessero le elezioni presidenziali.

2 aprile
Il Presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi è stato rieletto con il 97 percento dei voti.

3 e 5 aprile
La polizia egiziana ha fatto irruzione nell'ufficio di un sito Web di notizie, ha arrestato il suo caporedattore e tre dei suoi giornalisti.
Il procuratore egiziano ho ordinato la detenzione del redattore per 15 giorni in attesa di indagini.

10 aprile
Un tribunale militare ha condannato 36 imputati alla pena di morte, con l’accusa di aver preso parte ai micidiali bombardamenti che hanno colpito tre chiese copte:
 al Cairo nel dicembre 2016, ad Alessandria e a Tanta lo stesso giorno nell'aprile 2017.

14 aprile
Un tribunale egiziano ha confermato sabato un'ergastolo contro Mohamed Badie, leader dei Fratelli Musulmani. L'alta corte egiziana ha respinto l'appello di Badie e altri contro i verdetti emessi contro di loro lo scorso maggio, nel caso noto nei media locali come "processo della Sala operativa”.

LIBIA

29 marzo
Il sindaco della capitale della Libia è stato rilasciato dopo essere stato rapito da sconosciuti uomini armati da casa sua durante la notte. La ragione del rapimento non è tuttora chiara. La sicurezza in Libia non sembra essere ancora risolta: oltre al rapimento del sindaco almeno cinque persone sono state uccise e sei ferite quando un attentatore suicida ha guidato un'auto carica di esplosivo contro un posto di blocco nella città libica orientale di Ajdabiya in tarda serata.

4 aprile
Ai cittadini libici verrà chiesto di esprimere le loro opinioni sul futuro del Paese in una serie di consultazioni pubbliche sostenute dagli USA, volte a rompere uno stallo politico e a prepararsi per nuove elezioni dopo anni di conflitti e divisioni. I primi incontri si terranno nella città orientale di Bengasi e nella città occidentale di Zuwara: più di 20 incontri aperti sono previsti nelle prossime settimane, di cui almeno cinque nel sud emarginato della Libia.

14 aprile
Marshall Haftar si è sentito male a Parigi, durante una visita in diversi stati stranieri. Secondo un portavoce dell’esercito nazionale libico presto tornerà in patria, subito dopo le cure mediche, per poter continuare a combattere il terrorismo.

18 aprile
Un'autobomba ha colpito il convoglio del capo dello staff dell'esercito libico orientale fuori Bengasi mentre stava viaggiando verso una base in al-Marj, uccidendo una persona e ferendo almeno altre due persone.

19 aprile
Un razzo ha colpito l'aeroporto principale della Libia e ha danneggiato un aereo in attesa di decollare. Nessuno è rimasto ferito, ha detto un portavoce della Special Deterrence Force (Rada).

21 aprile
Il Ministero degli Esteri libico ha dichiarato che la Tunisia, come l’Italia, ha riaperto il suo consolato nella capitale libica. La maggior parte delle ambasciate lasciò Tripoli nel 2014 quando scoppiarono violenti scontri tra fazioni rivali. In particolare i tunisini avevano chiuso la loro missione nel 2015 dopo che dieci impiegati erano stati rapiti.

22 aprile
A Benghazi sono in corso le riparazioni a un oleodotto gestito dalla Waha Oil Co, danneggiato da un incendio a causa di un attacco da parte di alcuni militanti del sedicente stato islamico. La perdita prevista di produzione sarà di circa 80.000 barili al giorno.

TUNISIA

10 aprile
L'Italia ha sconfitto un’organizzazione criminale che faceva entrare clandestinamente migranti dalla Tunisia in Sicilia. I procuratori di Palermo hanno emesso mandati di cattura per 13 persone - sette tunisini, cinque marocchini e una donna italiana - sospettati di contrabbando di persone e traffico di sigarette di contrabbando.

 

Fonti: Ansa; Ansamed; Il Sole24Ore; BBC World; Reuters; AlJazeera English, News Mercati